I 5 più grandi killer della motivazione

COME LE RISOLUZIONI GARANTITE VANNO SBAGLIATE

Molte risoluzioni vengono prese con le migliori intenzioni, affrontate con grande motivazione, solo per essere accantonate con rassegnazione dopo pochi giorni o settimane; Dopotutto non funziona.

Rendiamo troppo difficile e complicato quello che ci siamo proposti di fare, proviamo a forzare qualcosa contro la nostra natura e poi non ci puniamo con un sentimento deluso per il “fallimento” Aver perseverato.

Una delle risoluzioni più comuni è più o meno questa: “Da domani mangerò in modo sano, farò esercizio regolarmente e mi prenderò più tempo per me stesso. Rovino anche garage e cantina e non mangio più dolci ”. Dopo 2 settimane al massimo, tutto tornerà come prima.

Motivation killer 1 – La risoluzione è vaga

Cos’è un obiettivo vago? Un obiettivo vago è, ad esempio, “fare più sport”. In particolare, potrebbe essere “mercoledì per l’allenamento”.

In cima alla lista dei primi dieci buoni propositi: meno stress e più tempo per la famiglia e gli amici. Una risoluzione molto importante che ha successo solo se le viene assegnato un posto specifico e permanente. Altrimenti la settimana di flixflux è finita e non c’era traccia di meno stress. Pensa a cosa esattamente ti renderebbe “meno stressante”? Cosa vuoi fare quando provi una sensazione di stress? Magari prima fai una piccola pausa e prendi una tazza di tè e rifletti su ciò che ti sta stressando.

Ad esempio, pianifica un appuntamento fisso con te stesso ogni settimana: per un buon libro, per il benessere, per un massaggio …

Chi lo pianifica regolarmente ha meno stress e diventa più resistente allo stress. Può anche essere un appuntamento con te stesso in palestra o in coppia, quindi anche l’allenamento e il rilassamento funzionano due volte.

Motivation killer 2 – vuoi troppo in una volta

Chi ha preferito il divano dopo il lavoro non afferrerà all’improvviso la borsa della palestra e farà sport tutti i giorni con grande entusiasmo. Forse una settimana, forse un secondo, al più tardi a quel punto la motivazione è nel seminterrato, perché era semplicemente troppo.

Soprattutto i principianti e quelli che tornano allo sport dovrebbero iniziare con un’unità di allenamento molto piccola. Una volta alla settimana, ad esempio per mezz’ora, quindi preferibilmente nella sauna. Chiunque inizi con un allenamento che il corpo salva come estremamente faticoso, lascia un’esperienza negativa fino a quando il sé più debole vince. Poniti un obiettivo facile da raggiungere e con cui ti senti a tuo agio e non esausto. Il cervello ti ricorda questa bella sensazione per la prossima volta e la motivazione è ancora lì e l’attività desiderata può essere gradualmente espansa.

È lo stesso con i buoni propositi dietetici. Stabilisci obiettivi facilmente raggiungibili, quindi invece di “Non mangio una sola caramella”, potrebbe essere “Mangio una caramella una volta al giorno o solo fino alle 16:00 o solo nel fine settimana”.

Motivation killer 3 – tu vuoi l’impossibile

fare esercizio 3 volte a settimana, i pasti potrebbero vincere un premio per la “cucina sana”, in 4 settimane sei più leggero di 10 kg, allo stesso tempo non hai stress e tempo per te stesso e la cantina è finita ripulito anche tu? Questo è più un programma punitivo e semplicemente impossibile. Sii realistico e gentile con te stesso. L’obiettivo di perdere peso sarebbe, ad esempio, invece di “perderò 10 kg in un mese”, “perderò 0,5 kg a settimana”.

Motivation killer 4 – casuale

La prossima settimana farò sport, metto in ordine il garage, metto i file … Non importa cosa, ho bisogno di un piano preciso. Chi ha intenzione di spostarsi di più, fa un piano fisso settimana dopo settimana. Ad esempio, dal martedì al fitness, il giovedì un giro dell’isolato durante la pausa pranzo, fatto, niente di più. Non pianificare troppo!

Una dieta più sana? Ad esempio, inizia subito a preparare i tuoi snack per il giorno successivo.

Motivation killer 5 – Tutto in una volta, preferibilmente immediatamente

Da 0 a cento, preferibilmente immediatamente contro la nostra umana impazienza. Prenditi il ​​tuo tempo per i buoni propositi, Roma non è stata costruita in un giorno. Prenditi il ​​tuo tempo per fare un piano per le prossime 12 settimane in cui annotare ciò che è più importante per te.

  • Calcestruzzo, cioè formulato con precisione
  • Priorità, cioè limitata a ciò che è più importante per te
  • Realistico, facilmente accessibile e realizzabile

E se qualcosa non ha funzionato, non importa, affrontalo di nuovo la prossima volta. Una singola battuta d’arresto non è indice di fallimento!

Qualunque cosa accada, mantieni la calma. Calma, sicurezza e perseveranza sono le chiavi del successo. Passo dopo passo verso il grande obiettivo, senza fretta, Hai tempo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *